informativa cookies

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni sulla tipologia di cookies utilizzati da "Fornelli&Ricette", vi invitiamo a cliccare sul pulsante "Approfondisci".

Ti piace "Fornelli&Ricette"?

Share...
Allora, aiutami a far crescere il mio blog, segnalando la pagina ai tuoi amici:
...and Follow!
Oppure segui le pagine social di "Fornelli&Ricette" per essere aggiornato sempre sulle ultime ricette inserite:

pignata legumi

La pignata è un recipiente di terracotta che veniva utilizzato largamente nel Salento. La forma classica della pentola è quella di una giara, con due manici smaltati in cima. Ma è anche un metafora, poichè indicata un metodo di cottura lento e continuo.

In passato le preparazioni alla pignata prevedevano l'utilizzo del fuoco. La pentola veniva posta sulla brace e lontano dalla fiamma, spesso associata ad un altro coccio pieno d'acqua. In questo modo l'acqua calda per i rabocchi era sempre disponibile. Pignata sta anche per minestra. "Mettere la pignata" vuol dire mettere a bagno i legumi la sera prima, per poi cuocerli il giorno dopo.

"Li uai ti la pignata li sape sulu la cucchiara ca li ota

Letteralmente, i guai di una pignata li conosce solo il cucchiaio che la rimesta. Questo proverbio indica il fatto che i guai di una persona può conoscerli solo lei stessa.
La cottura alla pignata era molto lunga. Durava, infatti, diverse ore in cui la zuppa non raggiunge mai il bollore completo. La massaia la posizionava nel focolare, mentre si dedicava alle altre faccende domestiche, avendo cura di schiumare i legumi di tanto in tanto e di ravvivare le braci.

Il piatto era reso gustosissimo dall'accompagnamento dei "muersi fritti" (morsi fritti), cioè da tocchi di pane di semola, fritti in abbondante olio d'oliva. I legumi venivano, e vengono ancora oggi, serviti come zuppa calda, in cui viene intinto il pane e con un filo d'olio d'oliva. 

In questa ricetta, che è simile per tutti i legumi, trattiamo una varietà particolare di faglioli, che è quella dall'occhio, detta pasuli cu n'uecchiu ( letteralmente fagioli  con un occhio). Questo legume è molto usato nella penisola Salentina ed è prodotto portando oltre maturazione i fagiolini mangiatutto. Così facendo, si ingrandisce il seme interno, che è un fagiolo decorato da una macchia nera somigliante ad un occhio, e la pianta esterna (il fagiolino) secca. A quel punto si taglia la pianta e si fa appassire completamente il vegetale. Il fagliolo dall'occhio si raccoglie sgranando il baccello. 


PREPARAZIONE DIFFICOLTÀ PORZIONI
Un giorno per l'ammollo + diverse ore di cottura Bassissima 6 persone

fagioli dallocchio pignata    
INGREDIENTI:
Fagioli dall'occhio un pugno a commensale
Sedano una costa
Porro 1
Carota 1
Rosmarino 1 rametto
Sale q.b.
Acqua calda q.b.
Pane di semola di grano duro  
Olio d'oliva  
STRUMENTI:
Recipiente di terracotta  Schiumarola
   


Ovviamente, non possiamo chiedervi di cuocere al fuoco la pignata, ma vi indicheremo come fare, assieme alla cottura sui fornelli. Si trovano, infatti, oggigiorno, delle casseruola di terracotta che possono essere direttamente poste sulla fiamma. Partiamo dai fagioli secchi. La sera prima o almeno 24 ore prima della cottura, i legumi devono essere messi in ammollo con acqua e una presa di sale grosso. Questo permetterà ai fagioli di reidratarsi.

Passato il tempo, ponete i legumi lavati e scolati in acqua fresca in un tegame di terracotta. Aggiungete il sedano, la carota, la cipolla e il rosmarino. Io aggiungo anche una patata. Mettete la pentola sul fornello a fuoco basso. I fagioli non devono essere fatti bollire, ma sobollire dolcemente. Nella fase iniziale della cottura i legumi tendono a schiumare, cioè a produrre delle sostanze poco nutrienti e saponine, sotto forma di bollicine.

Con l'ausilio della schiumarola, eliminate la schiuma che si dispone sulla superficie. Questa operazione rende i fagioli più digeribili. Ultimata la schiumatura, potete coprire il tegame e continuare la cottura a fuoco basso. Se necessario rabboccate con acqua calda. Quando i legumi saranno quasi pronti, aggiungete una presa di sale grosso. Ultimate la cottura.

Come descritto in alto, se a casa avete il camino, potete cuocere la pignata al fuoco. Semplicemente separando le braci e collocando la pignata su di esse. La brace va, naturalmente, ravvivata durante la cottura. Una volta cotti i fagioli, mettete sul fuoco un tegame con due dita d'olio d'oliva. Tagliate il pane di semola a fette e friggete finchè non rosolano. Servite la minestra di fagioli, intingendo il pane ai lati e irrorando con un filo d'olio.

Dove non è espressamente indicato, il contenuto fotografico delle ricette non è di proprietà di "Fornelli e Ricette". La fonte è il web.

Se la ricetta ti é piaciuta, condividila con i tuoi amici:

Follow Us

Segui le nostre pagine social di "Fornelli e Ricette" per essere aggiornato sempre sulle ultime ricette inserite, interagire con altri appassionati di cucina e proporre le tue ricette alla Community!

Community

Entra a far parte anche tu della Community di Fornelli&Ricette! Ti invieremo una Newsletter mensile con idee e suggerimenti culinari! Clicca sul seguente link per prendere visione dei Termini di utilizzo

Privacy & Cookie

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.