informativa cookies

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni sulla tipologia di cookies utilizzati da "Fornelli&Ricette", vi invitiamo a cliccare sul pulsante "Approfondisci".

Ti piace "Fornelli&Ricette"?

Share...
Allora, aiutami a far crescere il mio blog, segnalando la pagina ai tuoi amici:
...and Follow!
Oppure segui le pagine social di "Fornelli&Ricette" per essere aggiornato sempre sulle ultime ricette inserite:

orata rosmarino

L'orata al forno è uno dei miei piatti preferiti. La ricetta che vi propongo è ottima anche per altre tipologia di pesce. Si può, ad esempio, utilizzare anche il branzino.

L'orata fresca o "pescata" è sempre più rara, mentre sui banchi delle pescherie abbondano le orate da allevamento.

La differenza è notevole...innanzitutto nel prezzo! Per evitare di farci truffare, ricordate che l'orata pescata ha una macchia tendente all'arancione ai lati della testa. E poi la dimensione...se la pezzatura del pesce sul banco è pressochè identica...c'è qualcosa che non va! Il pesce "naturale" dovrebbe avere dimensioni differenti. 

Ma, tornando, ai fornelli, i puristi delle mie parti sostengono con fermezza che il pesce arrosto o al forno non deve essere condito, ma mangiato al naturale! Quindi, non volendo disattendere i miei avi del Sud, il profumo del rosmarino lo aggiungo in cottura, riempiendone la pancia!

Un secondo piatto leggerissimo, profumato e molto facile da preparare, adatto sia la pranzo che alla cena.


PREPARAZIONE DIFFICOLTÀ PORZIONI
5 minuti di pulizia + 15 minuti di cottura  Facile 2 persone

INGREDIENTI:  
Orata
Rosmarino fresco Un paio di rametti 
ACCESSORI:  
Teglia per forno  
Cartaforno  


 

 

 

Ormai tutti gli addetti al banco del pesce offrono la pulizia del prodotto, quindi anche la scusa "non so pulire il pesce..." può essere accantonata. Anche se non dovesse essere così, basta incidere la pancia dell'animale ed estrarre le interiora, che si distinguono benissimo dal resto perché sono l'unica parte molliccia presente.

Se vi piace mangiare anche la pelle, posizionate l'orata sotto al getto d'acqua e grattate la superficie della pelle con un coltello. Anche le squame verranno via facilmente. Il pesce deve essere cotto assolutamente con la testa! A parte il fatto che nella testa, si trova un gran quantitativo di polpa da mangiare, ma permette di mantenere una certa umidità nel corpo e non rovinare la cottura!

Una volta pulito il pesce, inserite nella sua pancia un paio di rametti di rosmarino fresco. Disponete le orate sulla teglia, rivestita dalla carta, e infornate a 180°C. Il tempo di cottura dipende dalla pezzatura. In genere, per orate medie di circa 400 gr, 15 minuti sono sufficienti.

Il trucco per capire quando il pesce è pronto è tirare le pinne dorsali con la forchetta. Se vengono via facilmente, il pesce è pronto. 

Passato il tempo, servite il pesce su un piatto da portata. Consumate caldo. Se avanza e si raffredda? Pulite il pesce e ricavatene dei filetti di polpa. Condite con olio e aceto ed avrete una perfetta insalala di pesce! 

Foto: Fornelli & Ricette

Se la ricetta ti é piaciuta, condividila con i tuoi amici:

Follow Us

Segui le nostre pagine social di "Fornelli e Ricette" per essere aggiornato sempre sulle ultime ricette inserite, interagire con altri appassionati di cucina e proporre le tue ricette alla Community!

Community

Entra a far parte anche tu della Community di Fornelli&Ricette! Ti invieremo una Newsletter mensile con idee e suggerimenti culinari! Clicca sul seguente link per prendere visione dei Termini di utilizzo

Privacy & Cookie

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.