informativa cookies

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni sulla tipologia di cookies utilizzati da "Fornelli&Ricette", vi invitiamo a cliccare sul pulsante "Approfondisci".

Ti piace "Fornelli&Ricette"?

Share...
Allora, aiutami a far crescere il mio blog, segnalando la pagina ai tuoi amici:
...and Follow!
Oppure segui le pagine social di "Fornelli&Ricette" per essere aggiornato sempre sulle ultime ricette inserite:

orata acquapazza

L'orata in umido è un modo semplice per preparare il pesce. Generalmente, preferisco la cottura in padella quando non voglio che in cucina rimanga troppo persistente l'odore del pesce.

Infatti, questo tipo di preparazione, rispetto a quella a forno, è un po' più delicato dal punto di vista dell'olfatto.

In ogni caso, per assorbire l'odore del pesce, io faccio bollire un limone tagliato a metà ed un rametto di rosmarino per una quindicina di minuti in un litro circa d'acqua. Passato il tempo, spengo il fornello e lascio l'intingolo senza coperchio per tutta la notte.

Questo semplice metodo, permette l'assorbimento degli odori sprigionati nell'aria...non solo quelli del pesce.


PREPARAZIONE DIFFICOLTÀ PORZIONI
5 minuti di pulizia + 15 minuti di cottura  Facile 2 persone

INGREDIENTI:  
Orata
Rosmarino fresco Un paio di rametti 
Origano mezzo cucchiaino
Cipolla  metà
Aglio 1 spicchio
Capperi Una manciata
Olio d'oliva, sale e pepe q.b
ACCESSORI:  
Tegame con coperchio  
   


Ormai tutti gli addetti al banco del pesce offrono la pulizia del prodotto, quindi anche la scusa "non so pulire il pesce..." può essere accantonata. Anche se non dovesse essere così, basta incidere la pancia dell'animale ed estrarre le interiora, che si distinguono benissimo dal resto perché sono l'unica parte molliccia presente.

Se vi piace mangiare anche la pelle, posizionate l'orata sotto al getto d'acqua e grattate la superficie della pelle con un coltello. Anche le squame verranno via facilmente. Il pesce deve essere cotto assolutamente con la testa! A parte il fatto che nella testa, si trova un gran quantitativo di polpa da mangiare, ma permette di mantenere una certa umidità nel corpo e non rovinare la cottura!

Passiamo alla cottura. Fate rosolare cipolla a spicchi, aglio sbucciato, capperi e rosmarino in un fondo d'olio d'oliva. Quando sarà tutto ben dorato, allungate il soffritto con un paio di bicchieri di acqua calda. Fate cuocere per una decina di minuti a fuoco vivace e con il coperchio. 

Passato il tempo, immergete nel sughetto le due orate. Spolverare con origano, pepe, e un pizzico di sale grosso. Cuocete i pesci per 8-10 minuti per lato, avendo cura di bagnare la parte non immersa con il sughetto. Per un'orata media (300 gr), quindici minuti di cottura sono generalmente sufficienti.  Il trucco per capire quando il pesce è pronto, è tirare le pinne dorsali con la forchetta. Se vengono via facilmente, il pesce è pronto. 

Servite caldo, su un letto di cipolle e capperi.

Foto: Fornelli & Ricette

Se la ricetta ti é piaciuta, condividila con i tuoi amici:

Follow Us

Segui le nostre pagine social di "Fornelli e Ricette" per essere aggiornato sempre sulle ultime ricette inserite, interagire con altri appassionati di cucina e proporre le tue ricette alla Community!

Community

Entra a far parte anche tu della Community di Fornelli&Ricette! Ti invieremo una Newsletter mensile con idee e suggerimenti culinari! Clicca sul seguente link per prendere visione dei Termini di utilizzo

Privacy & Cookie

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.