informativa cookies

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni sulla tipologia di cookies utilizzati da "Fornelli&Ricette", vi invitiamo a cliccare sul pulsante "Approfondisci".

Ti piace "Fornelli&Ricette"?

Share...
Allora, aiutami a far crescere il mio blog, segnalando la pagina ai tuoi amici:
...and Follow!
Oppure segui le pagine social di "Fornelli&Ricette" per essere aggiornato sempre sulle ultime ricette inserite:

Le pettole sono delle palline di pasta fritta e mangiate bollenti. Dire pettole, per i salentini, vuol dire inverno, festività natalizi e vigilie. Generalmente, l'evento di San Martino (11 novembre) apre le porte a questa preparazione. Le pettole di mia nonna erano enormi. Lavorava la pasta con le mani fino a creare una frittella grande quanto il tegame, rigorosamente fritte sul fuoco. Le pettole diventano golose, nella variante dolce, con l'ausilio di zucchero, miele o vincotto d'uva.


PREPARAZIONE DIFFICOLTÀ PORZIONI
20 minuti di impasto + 2-3 ore di lievitazione + 15 min di cottura Media 6 persone

pettole dolci
INGREDIENTI:
Farina di grano 500 gr
Lievito di birra Mezzo panetto
Zucchero 2 cucchiaini 
Acqua tiepida q.b.
Olio d'oliva per friggere
Miele q.b.
Vincotto d'uva q.b.
Zucchero semolato  
STRUMENTI:
Ciotola Setaccio
Tegame per friggere Carta assorbente 


Generalmente, per panificare, parto dal lievitino. In realtà, è un procedimento che utilizzo per essere sicura di attivare il lievito. Questo perchè, spesso ho sbagliato qualche passaggio ed ho messo a contatto il sale con il lievito, impedendone l'attivazione. In un piccolo contenitore, versate due dita di acqua tiepida, un cucchiaino di zucchero e sciogliete il lievito di birra. Aggiungete un cucchiaio (meglio se di legno) di farina alla volta, finchè non si sarà creato un impasto liquido ma denso. Attendete circa un'ora. A questo punto il composto nel contenitore si sarà attivato e avrà aumentato il suo volume. 

Disponete a fontana la farina setacciata in una ciotola. Praticate un foro al centro e aggiungete il lievitino, iniziando a impastare. Una volta assorbito, continuate ad aggiungere gradualmente l'acqua nella quale avrete sciolto il sale. La quantità di acqua da aggiungere varia a seconda della capacità di assorbimento della farina. Il risultato dell'impasto deve essere liscio, morbido ed appiccicoso. Deve colare dalle mani. Impastate a lungo ed energicamente. Coprite con un canovaccio e lasciate lievitare per 2-3 ore. 

A lievitazione avvenuta, bisogna prepararsi per la frittura. Ponete un tegame per friggere sul fornello con abbondante olio d'oliva. Sistemate la ciotola dell'impasto vicino ad una ciotola piena d'acqua. L'acqua aiuta a far staccare la pasta che è molto appiccicosa. Immergete un cucchiaio nell'acqua e prendete un poco di impasto. Fate colare l'impasto nell'olio bollente. Se vi risulta difficile, aiutatevi con un altro cucchiaio, sempre bagnato. L'impasto gonfierà immediatamente. Scolate quando sarà ben dorato. Ancora calde, rigirate le pettole nello zucchero semolato. Servite bollenti, intingendole nel miele o nel vicotto d'uva.

Dove non è espressamente indicato, il contenuto fotografico delle ricette non è di proprietà di "Fornelli e Ricette". La fonte è il web.

Se la ricetta ti é piaciuta, condividila con i tuoi amici:

Follow Us

Segui le nostre pagine social di "Fornelli e Ricette" per essere aggiornato sempre sulle ultime ricette inserite, interagire con altri appassionati di cucina e proporre le tue ricette alla Community!

Community

Entra a far parte anche tu della Community di Fornelli&Ricette! Ti invieremo una Newsletter mensile con idee e suggerimenti culinari! Clicca sul seguente link per prendere visione dei Termini di utilizzo

Privacy & Cookie

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.