informativa cookies

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni sulla tipologia di cookies utilizzati da "Fornelli&Ricette", vi invitiamo a cliccare sul pulsante "Approfondisci".

Ti piace "Fornelli&Ricette"?

Share...
Allora, aiutami a far crescere il mio blog, segnalando la pagina ai tuoi amici:
...and Follow!
Oppure segui le pagine social di "Fornelli&Ricette" per essere aggiornato sempre sulle ultime ricette inserite:

L'arrosto è un piatto classico della cucina italiana, in tutte le sue varianti. In questa ricetta, abbiamo pensato di aggiungere un tocco di originalità, utilizzando la melagrana. Per questa ricetta utilizziamo lo scapino, ma il risultato sarà egualmente ottimale se scegliamo lo scamone, o la noce o il cappello del prete.


PREPARAZIONE DIFFICOLTÀ PORZIONI
30 minuti di preparazione + 2h e 30 minuti di cottura Media 4 persone

arrosto melagrana
INGREDIENTI:
Scapino di vitello 1 kg
Rosmarino 3 rametti
Carote 2-3
Sedano 2-3 coste
Cipolle 2-3
Melagrane 4
Vino rosso secco 500 ml
Fecola 1 cucchiaio
Olio extravergine d'oliva, sale e pepe  q.b.
STRUMENTI:
Teglia da forno Spago


Questa ricetta va preparata iniziando dal giorno prima. Iniziamo con una nota sulla legatura della carne. La legatura dell'arrosto, anche se in pezzo unico, ha un duplice scopo: tenere la forma della carne che potrebbe sfaldarsi e aggiungere eventuali aromi. Esistono in commercio delle reti elastiche, ma io preferisco lo spago che è certamente più salutare e, generalmente, prodotto con fibre naturali.

Ovviamente esiste una tecnica, ma, dato che non siamo marinai, l'importante è legare lo spago prima lungo la lunghezza del pezzo di carne. Dopodicchè, avvolgiamo l'arrosto con circoferenze distanziate di circa 2-3 cm e fissate alla prima legatura. Io, ad esempio, legato il lato lungo, avvolgo il lato corto a spirale. Sì...la pazienza non è il mio forte!

Una volta eseguita questa terribile incombrenza, infilate sotto lo spago, un paio di rametti di rosmarino. A parte, cubettate metà delle verdure necessarie. Sgranate la melagrana, frullate i chicchi e filtrate il succo ottenuto. 

 

Ponete l'arrosto in una ciotola, bagnate con il vino, il succo di melagrana, le verdure. Coprite con la pellicola e lasciate riposare tutta la notte, o comunque almeno 12 ore.

Passato il tempo, ungete una casseruola con olio d'oliva e mettere a rosolare le verdure restanti. Aggiungete l'arrosto e fate colorare la carne da tutti i lati. Sfumate con il succo di marinatura filtrato, salate, pepate e trasferite in forno a 160°C per 2 ore. Ognitanto, bagnate la carne con il fondo di cottura.

A cottura ultimata, avvolgete l'arrosto con un foglio di alluminio. Spostate il fondo in un pentolino, aggiungete la fecola e fate addensare. Se non avete la fecola in casa, potete utilizzare anche la farina 00. Servite l'arrosto, intero o a fette, bagnato con la salsa filtrata e decorato con rametti di rosmarino. 

 Dove non è espressamente indicato, il contenuto fotografico delle ricette non è di proprietà di "Fornelli e Ricette". La fonte è il web.

Se la ricetta ti é piaciuta, condividila con i tuoi amici:

Follow Us

Segui le nostre pagine social di "Fornelli e Ricette" per essere aggiornato sempre sulle ultime ricette inserite, interagire con altri appassionati di cucina e proporre le tue ricette alla Community!

Community

Entra a far parte anche tu della Community di Fornelli&Ricette! Ti invieremo una Newsletter mensile con idee e suggerimenti culinari! Clicca sul seguente link per prendere visione dei Termini di utilizzo

Privacy & Cookie

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.