informativa cookies

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per maggiori informazioni sulla tipologia di cookies utilizzati da "Fornelli&Ricette", vi invitiamo a cliccare sul pulsante "Approfondisci".

Ti piace "Fornelli&Ricette"?

Share...
Allora, aiutami a far crescere il mio blog, segnalando la pagina ai tuoi amici:
...and Follow!
Oppure segui le pagine social di "Fornelli&Ricette" per essere aggiornato sempre sulle ultime ricette inserite:

baccala fritto pastella

Ieri sera ho voluto cimentarvi in una fritturina di pesce, riempiendo il mio piccolo bilocale di fumo e odori. Va bene così! Ognitanto ci vuole.

Non avevo mai preparato il baccalà fritto, perchè sono abituata a cucinarlo alla mediterranea, con pomodorini e cipolle. Questo perchè il suo odore e il suo sapore è abbastanza pungente ed ho avuto sempre paura che la frittura non ne ingentilisse il gusto, a differenza del guazzetto.

Così è stato. Mentre mio marito si è leccato i baffi e anche tutto il baccalà, io sono rimasta un po' sulla mie. 

Ho usato una pastella aromatizzata, tritando spezie e buccia di limone all'interno della farina. La pastella, invece, mi è piaciuta molto! :-)


PREPARAZIONE DIFFICOLTÀ PORZIONI
30 minuti Facile 2 persone

INGREDIENTI:
Baccalà già ammollato 4 pezzettoni (due a testa)
Farina 00 Un bicchiere
Buccia di mezzo limone  
Timo 2 rametti
Bicarbonato 1 cucchiaino
Sale e pepe q.b.
Olio di semi q.b.
Prezzemolo 1 ciuffo
STRUMENTI:
Casseruola per friggere Schiumarola 
Carta assorbente  


La durata totale della preparazione dipende dal tipo di baccalà che si acquista. Se si opta per la pinna sotto sale, il pesce deve essere lasciato in ammollo almeno per tre giorni interi, cambiando spesso l'acqua, per permettere l'eliminazione corretta del sale. In realtà, il baccalà si trova nei supermercati già dissalato e tagliato a fette. 

Se si acquista il filetto intero, una volta dissalato, deve essere tagliato a fette grossolane. Non tagliate i pezzi troppo piccoli, poichè la polpa di questo pesce si disfa facilmente con la cottura. Per mantenere i filetti integri, ha bisogno, quindi, di essere tagliato a pezzettoni piuttosto grossi.

 

 

 

 

Sistemate il pesce in uno scolapasta fuori dal frigo e preparate la pastella. Versate in un contenitore la farina, il bicarbonato, il timo sgranato, il prezzemolo tritato, il pepe e la buccia di limone ridotta finissima. Mescolate bene e aggiungete, gradualmente, acqua fredda da frigo. Mescolate bene in modo che non si creino grumi e continuate finché la pastella non ha una consistenza densa e cremosa.

Scaldate l'olio di semi. Per vedere se è pronto, calate un pizzico di pastella. Se viene subito a galla sfrigolando, l'olio è ben caldo. Trasferite il pesce nella pastella e fate in modo di ricoprire tutte le superfici. Buttate il pesce nell'olio e fate friggere per almeno cinque minuti, rigirandolo di tanto in tanto. 

Quando sarà ben dorato, traferite il pesce sulla carta assorbente e tamponatelo per asciugare l'olio in eccesso. Spolveratelo di sale e servitelo con spicchi di limone.

Foto: "Fornelli e Ricette".

Se la ricetta ti é piaciuta, condividila con i tuoi amici:

Follow Us

Segui le nostre pagine social di "Fornelli e Ricette" per essere aggiornato sempre sulle ultime ricette inserite, interagire con altri appassionati di cucina e proporre le tue ricette alla Community!

Community

Entra a far parte anche tu della Community di Fornelli&Ricette! Ti invieremo una Newsletter mensile con idee e suggerimenti culinari! Clicca sul seguente link per prendere visione dei Termini di utilizzo

Privacy & Cookie

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.